Tutti artisti


  • GHEMON

    FUCCELLI FISARMONY

    IACOPO BARISON

  • BIG – BJARKE INGELS GROUP

    CLASSICA ORCHESTRA AFROBEAT

    CIE TOULA LIMNAIOS

  • AZZURRA MUZZONIGRO

    VOŁOSI

    GIANLUIGI RICUPERATI

  • PIETRO DEL SOLDÀ

    LETIZIA MURATORI

    PATRICIA URQUIOLA

  • VINICIO MARCHIONI

    LICIA LANERA

    GIOVANNI ORSINA

  • ANTONELLA RUGGIERO

    KORDZ

    JOSEPH GRIMA

  • GIAN LUCA BIANCO

    MARIELLA FABBRIS

    ANTONIO OTTOMANELLI

  • MICHELE PLACIDO

    MARCO PETRONI

    LUCIA BRANDOLI

  • ANONIMA FROTTOLISTI

    VITTORIO CONTINELLI

    TANGRAM

  • ORAZIO LABBATE

    ORCHESTRA TOUT PUISSANT MARCEL DUCHAMP XXL

    MICHAEL NYMAN

  • LUCA TREVISANI

GHEMON

Classe 1982 e originario di Avellino, e uno dei più talentuosi e apprezzati artisti hip hop italiani. Negli anni ha saputo rinnovare il suo personalissimo stile che unisce canto e rap, caratterizzato da temi profondi e rime molto curate sotto l'aspetto lessicale che fanno di lui un artista a metà tra un cantautore e un rapper. ORCHIdee (MacroBeats/Artist First, 2014) segna la sua maturazione artistica con il suo territorio musicale fatto di rap mescolato al soul, al funk, al jazz e alla musica italiana. Mezzanotte (Macro Beats) è il suo nuovo album disponibile da Venerdì 22 Settembre.

FUCCELLI FISARMONY

Concertista, Didatta, Compositore, Direttore d’orchestra: Roberto Fuccelli è considerato fra i grandi della Fisarmonica, premiato con la Stella CEA ( 2017) per gli alti meriti artistici. Nel 2018 è stato invitato a porre il calco della sua mano nel “Museo internazionale dei grandi della fisarmonica” a Recoaro Terme (VI). La sua musica e i suoi concerti hanno riportato ovunque unanimi consensi di pubblico e di critica in Italia e all’Estero. Dal 2017 è Direttore della

IACOPO BARISON

Iacopo Barison (Fossano, 1988); pubblica un primo romanzo all'età di vent'anni, tratto dal suo blog. Suoi racconti e articoli sono apparsi su numerosi siti e riviste. A maggio 2014, per Tunué, è uscito il suo nuovo romanzo, Stalin + Bianca, nella collana di narrativa diretta da Vanni Santoni. Ha collaborato come autore alla libro/rivista Sbam con Jovanotti. Nel 2018 esce il suo ultimo libro pubblicato da Fandago Libri: Le stelle cadranno tutte insieme.

BIG – BJARKE INGELS GROUP

BIG è un gruppo di architetti, designer, urbanisti, professionisti del paesaggio, designer di interni e di prodotti, ricercatori e inventori con sede a Copenhagen, New York e Londra. Attualmente coinvolti in un gran numero di progetti in tutta Europa, Nord America, Asia e Medio Oriente, l'architettura di BIG emerge da un'attenta analisi di come la vita contemporanea si evolve e cambia costantemente, a causa dell'influenza dello scambio multiculturale, dei flussi economici globali e delle tecnologie di comunicazione che tutti insieme richiedono nuovi modi di organizzazione architettonica e urbana. Un'architettura utopica pragmatica che si allontana dal pietrificante pragmatismo delle scatole noiose e dalle ingenue idee del formalismo digitale.

CLASSICA ORCHESTRA AFROBEAT

Ensemble composto da 13 musicisti di estrazione mista (classica, barocca, popolare). Diretta da Marco Zanotti, crea nei suoi lavori un territorio di confine che mescola le sonorità e le peculiarità espressive degli strumenti della tradizione colta europea come archi, legni e clavicembalo con le percussioni, i canti e le poliritmie africane. Il disco d'esordio Shrine on you, Fela goes classical (2011) è un omaggio a Fela Kuti, il più grande genio musicale e ribelle politico africano della storia recente. Accolto ottimamente dalla critica, ha portato la band fino allo storico Glastonbury festival. Sono seguiti Regard sour le passé (2014) e Polyphonie (2017). Da questi tre lavori nasce un repertorio ibrido e intrigante, a cavallo tra l'eleganza della musica classica e l'energia dell’afrobeat.

CIE TOULA LIMNAIOS

La cie. toula limnaios é stata fondata nel 1996 dalla coreografa Toula Limnaios e dal compositore Ralf R. Ollertz. Istituzionalmente supportata sin dal 2014, grazie al suo assetto snello ma altamente efficace e alle co-produzioni internazionali, la compagnia garantisce permanentemente, con i suoi 15 dipendenti fissi, l’alta qualità dell’ opera: è oggi tra le compagnie di danza di maggior successo in Germania. Con il sostegno del Goethe Institut e del Ministero degli Affari Esteri tedesco, la cie. toula limnaios compie tournées in tutto il mondo, quale ambasciatrice di una danza che con lucidità, senso critico e coraggio si occupa dell’essere umano, una danza creata da e per le persone.

AZZURRA MUZZONIGRO

(Roma, 1983) è architetto e vive a Milano. Si laurea nel 2009 presso la facoltà di Architettura di Roma Tre, nel 2011 completa il MSc in Building and Urban Design in Development a Londra. Nel giugno 2015 termina il dottorato in Studi Urbani presso l’Università degli Studi Roma Tre, dove è membro del LAC (Laboratorio Arti Civiche), una piattaforma di ricerca sulla relazione fra pratiche informali e le trasformazioni urbane. Dal 2013 è assistente di Stefano Boeri presso il Politecnico di Milano. La sua attenzione è posta sul potenziale della biodiversità nelle trasformazioni urbane: l’approccio non-antropocentrico come chiave di un nuovo equilibrio fra la sfera umana, quella naturale e quella animale. Da giugno 2015 collabora con Waiting Posthuman, un progetto di ricerca multidisciplinare.

VOŁOSI

Debutta nel 2010 al New Tradition Festival, e il successo viene confermato l’anno successivo con la vittoria al Grand Prix Svetozar Stracina come miglior brano di world music nella categoria Europa, nel contest organizzato dalla European Broadcasting Union. Nel 2012 il loro primo album entra nella top 20 della World Charts Europe, e da allora il gruppo è stato costantemente in tour, con ottimi riscontri di pubblico e critica in tutto il mondo. Un sound unico e originale, che esce dai vincoli di genere portando ai loro limiti le potenzialità degli strumenti a corda, li fa apprezzare da ascoltatori eterogenei, superando le radici della musica carpazica a cui si ispira, aggiungendo elementi di improvvisazione che sconfinano nel jazz e nel rock.

GIANLUIGI RICUPERATI

Scrittore e saggista. Nel 1999 traduce The Wild Party. Nel 2006 pubblica Fucked Up ed è tra i curatori della prima monografia dedicata a Saul Steinberg. Nel 2007 Bollati Boringhieri pubblica Viet Now – la memoria è vuota, e scrive un testo pubblicato ne Il corpo e il sangue d'Italia. Nel 2009 esce La tua vita in 30 comode rate, nel 2011 Il mio impero è nell’aria e nel 2013 La produzione di meraviglia. Nel 2015 esce 100 Global Minds. Nel 2017 esce La scomparsa di me (Feltrinelli). È stato Direttore Creativo di Domus Academy. Scrive per La Stampa, Il Foglio, D di Repubblica, Robinson, Il manifesto, GQ, Rolling Stone, Vogue, IL, e molte altre testate nell’ambito dell’arte e del design. È fondatore di IPW Institute for Production of Wonder, azienda di consulenza, ricerca e comunicazione.

PIETRO DEL SOLDÀ

Filosofo, conduttore radiofonico e autore di Non solo di cose d'amore. Noi Socrate e la ricerca della felicità, edito da Marsilio. Voce del programma Tutta la città ne parla su Rai Radio3, ha collaborato a diversi programmi della rete, da Radio3Mondo a Il Principe, da Uomini e profeti a Io dico l'universo. Svolge attività di docenza, a metà strada tra radiofonia e filosofia, all'università Ca' Foscari di Venezia. Ha scritto Il demone della Politica (Apogeo 2007).

LETIZIA MURATORI

Nata a Roma, vive a Milano. Ha esordito nel 2004 con il racconto Saro e Sara (Einaudi) cui sono seguiti i romanzi Tu non c'entri e La vita in comune. Si è imposta subito come una delle voci più originali della nuova narrativa italiana. In seguito ha pubblicato cinque romanzi con la casa editrice Adelphi: La casa madre, Il giorno dell'indipendenza, Sole senza nessuno, Come se niente fosse e infine Animali domestici, vincitore del Premio Mondello 2015.

PATRICIA URQUIOLA

Nata a Oviedo (ESP), vive e lavora a Milano. Ha studiato Architettura a Madrid e di Milano, dove si è laureata nel 1989 con Achille Castiglioni. Dopo aver collaborato con Vico Magistretti e Lissoni Associati, nel 2001 apre il proprio studio con il quale crea per i maggiori brand mondiali. Alcuni dei suoi prodotti sono esposti nei maggiori musei di arte e design, (il MoMa di New York, il Musée des Arts decoratifs di Parigi, e il Museo della Triennale di Milano). Ha vinto diversi premi internazionali tra cui la Medalla de Oro al Mérito en las Bellas Artes del Governo Spagnolo, l’Ordine di Isabella la Cattolica, Designer del decennio per le riviste Home e Häuser, Designer dell’anno per le riviste Wallpaper, AD Spagna, Elle Decor International e Architektur und Wohnen.

VINICIO MARCHIONI

Attore, regista e sceneggiatore, ha lavorato per il teatro, tra gli altri, con Marini, Ronconi e Latella. Debutta alla regia teatrale con La più lunga ora, testo sulla vita del poeta Dino Campana che ha scritto e interpretato. Il suo prossimo progetto è la regia di Senza nome di e con Marco Vergani. Ha esordito al cinema come protagonista di 20 sigarette di Aureliano Amadei. In campo internazionale ha lavorato con W. Allen in To Rome with love e P. Haggis in Third Person. Rimane celebre nel ruolo de il Freddo nella serie cult Romanzo Criminale per cui ha vinto il Premio come Miglior attore al Roma Fiction Fest (2009 e 2011). È stato Alekos Panagulis nella mini serie L’Oriana di Marco Turco, Elia in Francesco di Liliana Cavani e Annibale Spagnoli in Luisa Spagnoli di Lodovico Gasparini.

LICIA LANERA

(1982) è regista e attrice. Studia al CUT dell’Università degli Studi di Bari e in seguito con Carlo Formigoni, ricci/forte, Massimo Verdastro, Marco Sgrosso, E. Nekrosius e Luca Ronconi. Nel 2005 fonda a Bari, assieme a Riccardo Spagnulo, la compagnia Fibre Parallele. Nel 2011 vince il Premio Landieri come miglior attrice italiana giovane, e nel 2014 vince i Premi Eleonora Duse, Virginia Reiter, e Premio UBU come migliore attrice italiana under 35. Nel 2015 è regista e attrice de La Beatitudine prodotto da Fibre Parallele. Nel 2016 debutta con Orgia di Pier Paolo Pasolini di cui è regista e attrice. Nel 2017 firma la sua prima drammaturgia The Black’s Tales Tour, che interpreta e dirige.

GIOVANNI ORSINA

(Roma, 1967) è professore di Storia contemporanea e vicedirettore della School of Government all’Università Luiss Guido Carli di Roma. Editorialista della Stampa, con Marsilio ha pubblicato L’alternativa liberale. Malagodi e l’opposizione al centrosinistra (2010) e Il berlusconismo nella storia d’Italia (2013).

ANTONELLA RUGGIERO

Une delle voci più intense e suggestive del panorama musicale italiano, negli anni ha mostrato la sua curiosità sperimentando diverse forme sonore e artistiche. Dopo il percorso con i Matia Bazar, durato quattordici anni e una pausa di sette anni, Antonella Ruggiero ha ripreso la sua attività nel 1996, spaziando dalla musica sacra al jazz, passando per la musica ebraica, portoghese, orientale e della tradizione popolare. Nell’autunno 2018 verrà pubblicato un cofanetto con 6 cd, dal titolo Quando facevo la cantante, contenente oltre 100 brani registrati dal 1996 ad oggi.

KORDZ

Alexandre Kordzaia (1994), è producer, performer e compositore georgiano (Tbilisi). Ha pubblicato il suo primo singolo We've Been e il suo EP di debutto QYS per PRRRRRRRRR Records. È stato in tournée con Christoph Altstaedt e la Junge Norddeutsche Philharmonie (JNP), suonando nella Elbphilharmonie (Amburgo) e nella Funkhaus Berlin. Ha collaborato con Georgian Philharmonic Orchestra, Nieuw Ensemble, Peter Conrad Zumthor, Zagareli String Orchestra, Nino Katamadze, Natalie Beridze, Tamriko Kordzaia. Incaricato per il 2019 per una composizione per la Residentie Orchestra Den Haag in occasione del compleanno di Louis Andriessen. Ispirato tanto ai compositori classici (Ravel, Stravinsky) quanto a Prince, James Brown, Ryuchi Sakamoto e ai pionieri dell’avanguardia elettronica come Parmeggiani.

JOSEPH GRIMA

Joseph Grima, architetto, scrittore e curatore, vive e lavora fra Genova e New York. È fondatore di Space Caviar, uno studio di ricerca che produce film, libri e istallazioni che indagano le relazioni fra architettura, spazio pubblico e tecnologia nella città contemporanea. Dal 2015 dirige il programma IdeasCity al New Museum of Contemporary Art a New York, oltre a coordinare l’implementazione del programma culturale di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, di cui in qualità di direttore artistico è stato il principale autore. Dal 2011 al 2013 è stato direttore della rivista Domus, e nel 2015 ha diretto la Biennale d’Architettura di Chicago, la più grande mostra d’architettura contemporanea del Nord America, e la prima biennale di design di Istanbul. Ha insegnato in alcune delle più prestigiose facoltà d’architettura in Europa e Nord America, ed è attualmente professore all’Architectural Association di Londra.

GIAN LUCA BIANCO
Gian Luca Bianco (Milano 1967) è regista e fotografo. Ama raccontare storie e comunicarle attraverso immagini, musica, parola, suono e silenzio. L’attività di Gian Luca Bianco prende avvio dal teatro. Studia recitazione e cinema presso The New York Conservatory for Dramatic Arts (NYCDA). È stato tra i produttori per Intuit Film di due lungometraggi indipendenti nell’area di New York. In Italia ha prodotto Mai Più Come Prima di Giacomo Campiotti con Prana Film distribuito da Medusa. Ha ideato e diretto Sidereus la scienza si racconta, due documentari per Rai Edu; ha scritto e diretto il documentario Racconto Interrotto sull’artista Bepi Romagnoni in occasione dell’esposizione tenutasi a Milano nel 2015 e realizzato svariati cortometraggi che hanno partecipato a festival internazionali, videoclip e video corporate. Ha scritto e diretto lo spettacolo Stupor Mundi con Michele e Brenno Placido per Centodieci. Imbilico è stato il suo primo progetto puramente artistico che esordisce presso Harlem Room di Montrasio Arte in occasione di Milano Photo Festival nel 2017. Seguono le mostre di Innsbruck presso Galerie Km0; Assisi e Gubbio in occasione della Giornata del Patrimonio Artistico Italiano promossa dal Ministero dei Beni Culturali presso il Palazzo Ducale di Gubbio. Attualmente è impegnato nella presentazione del libro d’artista Imbilico e nella realizzazione di un nuovo lavoro artistico intitolato Linfa Vitale.
MARIELLA FABBRIS

Attrice teatrale e autrice, cura regie e drammaturgie in ambito sociale. Tra i fondatori del Laboratorio Teatro Settimo, compagnia che negli anni '80-'90 ha rinnovato la scena italiana. Anche attrice di cinema, è pedagoga del teatro. Fa incontrare ragazzi e anziani in spettacoli come Non mi arrendo, non mi arrendo (tra ragazze e anziane della Resistenza), Io lavoro e tu? (tra giovani al primo lavoro e pensionati). È in tournée con gli spettacoli Divina, Regina - memoria d’acqua, Storie Partigiane, Cellule FateScienza sull’importanza delle staminali. Il progetto Ogni sera un racconto per i golosi di storie la vede impegnata in un viaggio nelle case tra Italia ed Europa, con Cibo Angelico (da un racconto di Antonio Tabucchi) e L’albero delle acciughe (da un racconto di Nico Orengo).

ANTONIO OTTOMANELLI

Nato a Bari, architetto, si interessa alla fotografia come strumento per indagare il territorio, come indicatore delle dinamiche sociali e delle tensioni geopolitiche nelle aree di conflitto. Presente in numerosi festiva internazionali, nel 2013 la sua prima personale Collateral Landscape alla Triennale di Milano è curata da Joseph Grima. Presente alla XIV Mostra Internazionale di Architettura La Biennale di Venezia e alla prima Biennale del Design di Istanbul. Nel 2016 presenta la sua personale Kabul+Baghdad a Camera Torino, curata da Francesco Zanot e viene nominato FOAM Talent. Curatore di The Third Island, (Planar Books), primo volume dedicato all’osservazione dell’impatto delle grandi opere sui cambiamenti territoriali e sociali. È rappresentato da Montrasio Arte.

MICHELE PLACIDO

Nasce in provincia di Foggia nel 1946. Studia all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico e fa il suo esordio a teatro nel 1970 con Luca Ronconi nell’Orlando Furioso. Debutta nel cinema con Romanzo Popolare di Mario Monicelli (1974). e negli anni ’80 interpreta il Commissario Cattani nel televisivo La Piovra. Come regista, vanta una lunga serie di titoli presentati e premiati nei festival di Cannes, Venezia e Berlino, come Le amiche del cuore (1992), Del perduto amore (1997), Ovunque sei (2004), Romanzo Criminale (2005), Il Grande Sogno (2009). Prosegue la sua carriera di attore alternandosi tra teatro, televisione e cinema diretto, tra gli altri, da Gianni Amelio, Mario Monicelli, Marco Bellocchio, Cristina Comencini, Giuseppe Tornatore, Nanni Moretti.

MARCO PETRONI

​Marco Petroni, teorico e critico del design. Docente a contratto presso il Politecnico di Milano, Università della Campania e Accademia di Belle Arti di Napoli​. Collabora con varie riviste nazionali e internazionali tra cui Domusweb e Artribune.

LUCIA BRANDOLI

Lucia Brandoli (Modena, 1989) vive a Milano. È autrice della raccolta di racconti A letto non si pensa al futuro (Edizioni Pendragon, 2017), della raccolta di poesie Anello di prova (Raffaelli Editore, 2016), del reportage narrativo Exit (Hacca, 2015) e dello spettacolo teatraleGiardini.Scrive per diverse testate cartacee e online. Si è diplomata alla Scuola Holden nel 2014. Ha studiato architettura a Ferrara, Porto, Berlino, Ahmedabad e Jodhpur; e violino, al conservatorio di Modena. Traduce da inglese, francese e portoghese. Insegna yoga ed è cofondatrice del centro Deha, yoga e ayurveda.

ANONIMA FROTTOLISTI

Alla base del progetto c'è la riscoperta del repertorio composto tra XV e XVI secolo, l'Umanesimo musicale, ancora oggi così vivo nell'architettura, nell'arte, nelle biblioteche, negli archivi. Accanto allo studio filologico di questa fase storica, Anonima Frottolisti affronta il repertorio medievale e rinascimentale utilizzando partiture originali, cercando di esaltare al massimo l’arte compositiva pervenuta sino ai nostri giorni. Si è esibita in Italia e all'estero in alcuni dei più importanti festival di musica antica. Ha inoltre collaborato con Radio Rai 3 e Radio Svizzera italiana Radio nazionale Croata.

VITTORIO CONTINELLI

(Ostuni, 1975): autore, attore e regista teatrale. Si forma presso il Centro Teatro Ateneo di Roma dell’Università La Sapienza di Roma con Cathy Marchand e Franca Angelini. Collabora negli anni con Teatro Minimo, Teatro dei Venti, Skintrade, Microscopia Teatro, La Luna nel Letto, Teatro Kismet – Teatri di Bari, Fondazione Teatro della Toscana. Vincitore del Premio Ettore Petrolini e del premio Operum Harmonia per il teatro, del premio Ribalta d’autori per la letteratura. Tra i suoi progetti attuali Il nullafacente di M. Santeramo, regia di R. Bacci (Teatro della Toscana); Nel Labirinto (Teatro della Toscana); L’abito nuovo di E. De Filippo e L. Pirandello, regia di M. Campanale (La luna nel letto) e Discorso sul Mito, progetto di racconto incentrato sulla mitologia classica.

TANGRAM

Il nome TANGRAM nasce dal noto rompicapo cinese, ma non per gioco. Nasce dalla voglia di stravolgere le forme cambiando ogni volta i tasselli, prendere geometrie diverse e spaziare nella proposta musicale. Le performance live di matrice elettronica ci permettono di raggiungere un pubblico più articolato ed ampliare i confini sonori. A completare il quadro la totale libertà dei nostri resident djs, le installazioni luminose del visual artist M:ck e le grafiche sempre originalissime del graphic designer Niq J.

ORAZIO LABBATE

Nato a Mazzarino nel 1985. Laureato in Giurisprudenza alla Bocconi, ha ottenuto due Master in comunicazione e media digitali e giornalismo economico presso la Business School de Il Sole 24 Ore. Ha collaborato per Viaggi 24, Domenica24, Nova24. Editor per Fiction Centauria, blogger per Huffington Post, collabora con Il Mucchio Selvaggio, L’Indice dei Libri del Mese e Il Tascabile- Treccani. Scrive per diverse riviste online e suoi lavori sono apparsi su Nuovi Argomenti, Achab e Nazione Indiana. Un suo racconto tradotto da Anne Milano Appel è stato pubblicato per le riviste americane PEN/America e Guernica. 
 Ha pubblicato Lo Scuru, (Tunué). Piccola enciclopedia dei mostri, (24OreCultura) Stelle ossee, finalista al Premio Sciascia, e Suttaterra (Tunué). Gestisce il suo blog Sicilia Texana.

ORCHESTRA TOUT PUISSANT MARCEL DUCHAMP XXL

Nel 2016, a 10 anni dalla creazione dell’Orchestre Tout Puissant Marchel Duchamp, Vincent Bertholet finalmente realizza il suo vecchio sogno di un'orchestra "reale". L'orchestra diventa XXL, assemblando complici dalla prima ora e una sezione di archi inglese incontrata lungo il percorso. D'ora in poi, saranno 14 sul palco. È nell'imponente e magnifico edificio che ospita Real World Studios che si forgia la nuova avventura: con John Parish ai comandi nasce Sauvage Formes, in cui tutto è tanto geometrico quanto organico. Un nuovo viaggio in 8 tappe che racconta la storia di un'orchestra senza camera, un battaglione sensibile di illimitata generosità, una forma selvaggia che non ha mai avuto bisogno di un maestro per domare la sua immaginazione e determinazione.

MICHAEL NYMAN

Tra i più amati e innovativi compositori inglesi, Michael Nyman ha scritto opere, colonne sonore, concerti per quartetti d’archi e orchestre. Molto più di un compositore, Nyman è inoltre musicista, direttore d’orchestra, pianista, autore, musicologo e ora anche fotografo e regista. Tra le più celebri colonne sonore composte si annoverano quelle per Peter Greenaway (con cui collabora alla realizzazione di una dozzina di film, tra cui Il mistero dei giardini di Compton House, 1982), Jane Campion (Lezioni di piano, 1992, della cui colonna sonora sono state vendute oltre tre milioni di copie), Neil Jordan (Fine di una storia, 1999), Michael Winterbottom (quattro film, tra cui Wonderland, 1999).

LUCA TREVISANI

Nato a Verona (1979), è uno degli artisti italiani delle ultime generazioni che più apprezzato a livello internazionale. I suoi lavori sono stati esposti in musei e centri d’arte internazionali tra cui MAXXI (Roma), Biennale of Sydney, Manifesta 7, Rovereto, Biennale di Architettura di Venezia, MOT (Tokyo), Kunsthalle Wien, Kunstverein Braunschweig, ZKM Karlsruhe. Oltre a premi e mostre in importanti centri d’arte e musei, ha pubblicato diversi libri tra cui The effort took ist tools (Argobooks 2008), The art of Folding for young and old (Cura Books 2012), Water Ikebana (Humbodt Books 2013), Luca Trevisani, Snoeck, 2014, Grand Hotel et des Palmes, Nero, 2015, Via Roma 398 Palermo, Humboldt Books 2018.